I nostri sondaggi: un test su come sta andando il sell out di sportswear in Italia

Le vendite nei negozi di sportswear della Penisola vanno a rilento nella stagione in corso. Inoltre quello che emerge - analizzando l’esito del questionario che Fashion ha sottoposto a un campione di selezionati punti vendita del settore - è l’evoluzione dell’atteggiamento dalla clientela, nel segno di una maggiore maturità di approccio agli acquisti di moda.
Il brand non appare più così decisivo nell’orientare le scelte del consumatore, che valuta quali capi acquistare soprattutto in base al rapporto qualità-prezzo. Una situazione che rende fluido il mercato, creando opportunità anche per quelle realtà giovani e dinamiche, spesso straniere, da poco sbarcate in Italia, che meglio sanno interpretare i desiderata del pubblico.
Analizzando nel dettaglio l’andamento della stagione, almeno per come si sta delineando finora, nelle vendite di sportswear non c’è stata l’inversione di tendenza sperata rispetto alla scorsa primavera-estate. Il sell out al maschile si è mantenuto sugli stessi livelli di un anno fa per il 46% del campione, è diminuito per il 31% ed è aumentato solo per il 23%. Stesso discorso, anche se lievemente più negativo, per le vendite donna. La flessione è decisamente più marcata nel denim, in particolare quello femminile: la curva discendente di questa categoria merceologica, già evidenziata un anno fa, prosegue infatti nella primavera in corso. Segnali positivi arrivano invece dagli accessori femminili: secondo il 43% degli intervistati se ne sono venduti di più, per un altro 43% i livelli sono stazionari e solo per 14% c’è meno interesse.
Secondo la maggior parte dei dettaglianti i prezzi sell in sono rimasti invariati rispetto alla corrispondente stagione passata (lo ha testimoniato il 59% del campione per lo sportswear e il 56% per il jeanswear) e se un piccolo aumento c’è stato è da collocare per entrambi i segmenti tra il 5 e il 10%.
Infine, un’indicazione sull’autunno-inverno 2011/2012. Nella maggior parte dei casi i livelli di acquisto dei negozianti per assortire il punto vendita sono stati stazionari, con un aumento degli investimenti per gli accessori e un calo per il jeanswear, coerentemente con le indicazioni arrivate dal mercato la scorsa stagione. L’esito completo del sondaggio è pubblicato su Fashion numero 1790, intermente dedicato ai brand di impronta sportiva.
e.a.
stats