I profitti di Puma scendono del 23% nel terzo quarter

Nel terzo quarter del 2009 Puma ha registrato ricavi consolidati pari a 673 milioni di euro, in calo del 5,5% (-6,3% a valute invariate), mentre l’utile netto si è ridotto del 23,6%, attestandosi a 67,9 milioni. Pur in una situazione di mercato difficile, “abbiamo generato profitti in tutti i trimestri dell’anno e ci aspettiamo di restare profittevoli nell’ultimo quarter”, dichiara il ceo Jochen Zeitz.
A migliorare lo scenario economico, si augurano inoltre della società di Herzogenaurach, dovrebbe concorrere la Coppa del Mondo di calcio, on schedule la prossima estate in Sudafrica. Intanto il gigante dello sportswear, nei tre mesi chiusi lo scorso 30 settembre, ha messo in evidenza un ebit di 98 milioni di dollari, in flessione del 21,6% rispetto allo stesso periodo del 2008. Le vendite della divisione footwear, a cambi costanti, hanno ceduto il 13%, l’apparel è arretrato del 5,2% mentre gli accessori, in controtendenza, hanno messo a segno un progresso del 38,5%. A livello distributivo, il turnover nella regione Emea è sceso del 3,1%, nelle Americhe dell’11,2% (-11,3% negli States) e nell’area Asia-Pacifico dell’8,3% .
I ricavi a nove mesi del Gruppo sono avanzati dello 0,4% a 1,97 miliardi di euro (vedi anche fashionmagazine.it del 21 ottobre 2009). Secondo quanto ha dichiarato Zeitz durante una conference call, il fatturato 2009 di Puma dovrebbe scendere a valute costanti “low to mid single digit”.
d.p.
stats