I progetti di Nocco per Trading Service Company

Nuovo assetto azionario e progetti di rilancio per Trading Service Company (Tsc), azienda bergamasca cui fanno capo i brand Cotton's Industries, Brunik e Stratos. Il punto di partenza è stata una partnership siglata con la Gmn di Gilberto Mattia Nocco che, con il 70% del capitale, è diventato l'azionista di maggioranza dell'azienda e ne ha assunto la guida. E ora pensa anche alla Borsa.
Il resto delle quote resta in mano ai fondatori, i Bartoli, che mantengono anche la presidenza (in capo a Pierluigi Bartoli) e il coordinamento dell'ufficio stile (seguito da Laura Bartoli), prossimo a un ampliamento. “Il nuovo corso - spiega Nocco - prende il via con Cotton's Industries, linea di sportswear urbano, elegante e con personalità, attenta alla qualità e alla cura dei dettagli, che apparirà in un corner al prossimo Pitti Uomo”. “La distribuzione punta, oltre all'Italia, attualmente il mercato principale, anche al resto d'Europa (è già presente in Germania, Svizzera e Austria, ndr), Far East, Russia e Stati Uniti”, aggiunge. Dopo Cotton's Industries sarà la volta di Brunik, brand più legato al mondo sportivo, e Stratos, un casualwear posizionato su un livello medio-alto, portati alla ribalta in passato da Gustav Thoeni e dal complesso dei Pooh.
Ma le novità per Gmn, da sempre focalizzata sul comparto moda (fanno parte del gruppo anche le linee Donna Enrica, Pretesto e Dolce Vita, entrate lo scorso anno con l'acquisizione di Henriette) non finiscono qui. Grazie anche al contributo della new entry Tsc, che nelle stime di Nocco dovrebbe raggiungere un fatturato di 30 milioni di euro nel giro di tre anni, la holding punta ai 200 milioni di giro d'affari. “Un obiettivo con cui poi ci proporremo sul mercato azionario”, anticipa. In dirittura d'arrivo, inoltre, l'acquisizione della maggioranza di Ciesse Piumini, realtà che vede già Nocco nel ruolo di amministratore delegato.
e.f.
stats