Il Governo presenta un pacchetto anti-contraffazione

Dodici strutture anticontraffazione in altrettanti uffici giudiziari, potenziamento e informatizzazione dell’ufficio italiano per i marchi e i brevetti, il varo di un Ddl per il riordino della normativa a tutela dei brand: questo il pacchetto annunciato dal Governo per combattere la contraffazione, un business da 8 miliardi di euro. Lo ha illustrato ieri il ministro delle Attività produttive Antonio Marzano a Milano in occasione di un convegno di Assolombarda. Il ministro ha anche parlato di un accordo con gli Stati Uniti per la tutela della proprietà intellettuale, dei marchi e dei brevetti che verrà ufficilizzata a Roma il 2 ottobre prossimo. I numeri della contraffazione in Italia sono impressionanti: il giro d’affari di 8 miliardi di euro (secondo la Guardia di Finanza) ci pone al terzo posto nella classifica mondiale dei maggiori produttori di falsi stilata dall’Ocse, in compagnia di Cina, Corea e Taiwan. Non solo: la contraffazione ci “costa” circa 40 mila posti di lavoro, un mancato introito dell’Irpef pari al 9% e un –23% in termini di Iva. Il 60% dei falsi riguardano l’abbigliamento, la pelletteria e le calzature. Ma anche nel resto del mondo il business fiorisce con un “fatturato” di circa 100 miliardi di dollari l’anno, in aumento del 1300% nell’ultimo decennio: la percentuale di merci contraffatte sul commercio mondiale è pari a circa il 5/6%.
c.mo.
stats