Il Gruppo Richemont completa l’acquisizione di Van Cleef & Arpels

Il Gruppo Richemont acquista dalla famiglia Arpels l’ultimo 20% di Van Cleef & Arpels e diventa proprietario della totalità del marchio. L’operazione si è sviluppata nel perfetto accordo tra le parti. Gli Arpels preferiscono concentrarsi sul mercato italiano. "L’uscita dal capitale della nostra antica maison ci consente di concentrare l’attenzione sugli investimenti italiani" ha dichiarato Claude Arpels, che attualmente è anche amministratore delegato di Redwall Group. "In Italia - ha aggiunto Arpels – esistono delle opportunità che la nostra famiglia e il pool di investitori che hanno fiducia nelle nostre capacità manageriali intendono cogliere per arrivare, nel giro di un biennio, a dare vita a un importante polo del lusso. Dopo l’acquisizione del controllo totale di Redwall Group, nel novembre 2002, abbiamo proseguito nei contatti con altre aziende del settore e possiamo affermare che nelle prossime settimane renderemo pubbliche altre acquisizioni". Claude Arpels rimarrà nel Consiglio di Amministrazione della Van Cleef & Arpels USA, continuando cosí a collaborare con il gruppo Richemont. La cessione della quota della Casa di gioielleria fondata dalla famiglia franco-americana più di cento anni fa al Gruppo Richemont - uno dei leader mondiali del settore dei gioielli, orologi e penne di lusso, con marchi quali Cartier, Piaget, Vacheron Costantin, Montblanc e Dunhill – è stata organizzata e strutturata dallo studio Delfino Willkie Farr & Gallagher, che già ha assisitito la famiglia Arpels nella recente acquisizione di Redwall Group, la società di Bologna che produce borse e accessori in pelle con i marchi Borbonese e Redwall. Advisor finanziario è stata la olandese Swifterberg Capital.
e.c.
stats