Il Midec punta a conquistare le scarpe italiane

Il Midec, il principale salone francese delle calzature, guarda alle scarpe italiane. "È il momento giusto, per i produttori di scarpe made in Italy, per investire sul mercato d’Oltralpe", ha detto François Browne de Kilmaine questa mattina a Milano, durante la presentazione della prossima edizione, che si terrà a Parigi dal 3 al 5 febbraio 2006.
"La Francia è il secondo mercato al mondo del comparto, dopo gli Stati Uniti – ha spiegato de Kilmaine - con 330 milioni di paia acquistati l’anno e un giro d’affari di 8 miliardi di euro. Inoltre, la produzione nazionale è diminuita e c’è dunque spazio per le aziende straniere che vogliono inserirsi. In particolare, le scarpe italiane sono molto apprezzate dai francesi". Attualmente l’Italia esporta in questo Paese 40 milioni di paia l’anno, per un fatturato di 773 milioni di euro.
Midec vuole dunque rafforzare la propria vocazione internazionale, sulla scia delle due principali manifestazioni europee del settore, Micam e Gds. Un aiuto in questo senso dovrebbe venire dalla decisione di spostare le date per unirsi agli altri saloni della moda di Parigi. Scelta inaugurata lo scorso autunno e premiata da un flusso di 11.905 visitatori, di cui 2.220 stranieri.
Tuttavia, l’intenzione è quella di "non aprire il salone a espositori asiatici, per non snaturare l’immagine del Midec", ha precisato il direttore generale.
L’appuntamento di febbraio presenterà un concept completamente rinnovato, suddiviso in otto aree o "village", ciascuno dedicato a un tema particolare: bambino, sport&casual, city, fashion, confort, accessori, nuovi talenti e sfilate.
g.m.
stats