Il Mipel scalda i motori: 465 gli espositori alla prossima edizione

Saranno 465 gli espositori, di cui 146 esteri da 19 Paesi, su 30.000 metri quadri al prossimo Mipel, in programma dal 28 febbraio al 2 marzo presso Fiera Milano-Rho con le collezioni per l'autunno-inverno 2008-2009: il 10% in più rispetto a marzo 2007 e con alcune importanti new entry. "Il Mipel serve per far crescere le aziende, ci sono imprese centenarie come Leu Locati, presente fin dalla prima edizione, ma anche stavolta ritorni importanti come Piero Guidi, Mazzini, Borbonese e Plastimoda con il marchio Minibag", ha detto Giorgio Cannara, presidente della rassegna fieristica di pelletteria, durante la conferenza stampa di presentazione, svoltasi oggi a Milano presso LP Fashion Studio.
Il prossimo Mipel sarà il banco di prova per il mercato, che ha chiuso positivamente il 2007, ma affronta il 2008 con qualche trepidazione. “Nei primi 10 mesi del 2007 l'export di prodotti di pelletteria italiani ha avuto un forte incremento in valore, pari a un +17,6% - ha sottolineato Mauro Muzzolon, direttore del Mipel -. Tutti i principali mercati di destinazione hanno fatto segnare performance positive, a eccezione del solo Giappone; per contro appare in forte sviluppo la Russia”.
In crescita risulta anche il mercato interno, che nel 2007 ha registrato un incremento dei consumi sia in quantità (+ 2,5%), sia in valore (+ 5,7%). Cannara ha presentato anche il nuovo marchio “We love Italian bags” e ha ricordato che l'inconsueto anticipo di due giorni del Micam dovrebbe favorire l'affluenza al Mipel di buyer specializzati nella calzatura.
a.m.
stats