Il bilancio di Tissu Premier: anticipare è meglio

Ieri, 16 giugno, Tissu Premier – il salone internazionale dei tessuti e accessori moda, ospitato al Grand Palais di Lille - ha chiuso i battenti in un’atmosfera di soddisfazione generale: contenti gli espositori, i visitatori e gli organizzatori. La scelta pionieristica di anticipare le date a giugno si è rivelata vincente su più fronti.
La manifestazione si è infatti appropriata di un angolo di calendario personale, “morto” dal punto di vista dell’organizzazione delle fiere di settore, ma strategico per quanto riguarda il timing della moda. Gli operatori del fast fashion, infatti, possono scegliere a Tissu Premier i tessuti per la primavera 2012 o, addirittura, per l’inverno 2011 per collezioni dell’ultimo minuto, da produrre nei mesi di luglio e agosto e far approdare nei negozi a settembre. Per la moda a lungo termine, invece, la fiera propone già i trend destinati all’inverno 2012/2013, battendo tutti sul tempo.
“La moda va sempre più veloce, ormai non si possono più aspettare i due appuntamenti all’anno delle grandi kermesse come Premier Visione e Milano Unica – spiega Hervé Huchet, fashion division director di Eurovet, la società organizzatrice di Tissu Premier –. La nostra è una rassegna piccola ma potente, molto apprezzata dai visitatori del Nord Europa. Il nostro prossimo step è rivolgerci a mercati nuovi, come l’Italia e la Spagna”.
Appuntamento, quindi, il 18 e 19 gennaio 2012 per la prossima edizione. In futuro, però, è previsto un ulteriore anticipo delle date a dicembre o, addirittura, a novembre.
v.d.g.
stats