Il fenomeno delle frodi nel mondo del retail: se ne è parlato oggi a Milano

Le frodi da parte dei dipendenti rappresentano circa il 25% dei cosiddetti ammanchi per il settore della distribuzione sia in Europa nel grocery, sia negli Stati Uniti dove è coinvolto addirittura il 40% della forza lavoro. Se ne è parlato oggi in un convegno a Milano, presso il Palazzo delle Stelline.
Alcuni grossi gruppi stanno mettendo in atto una politica di loss prevention, in grado di recuperare “marginalità” che, nelll’attuale fase di stagnazione dei consumi, diventano di fondamentale importanza per un’azienda della Gdo.
Il colosso informatico Fujitsu ha studiato una soluzione capace di combattere le differenze inventariali nel retail. Il sistema è già stato impiegato in Italia da GS e Lombardini con il contributo della società di consulenza Sisim ed è in fase di sperimentazione presso i negozi Upim.
Fujitsu e Sisim metteranno inoltre a disposizione il sistema in outsourcing anche per network distributivi di medie dimensioni, intorno ai 15-20 punti vendita, il che tornerebbe utile anche al fashion retail.
Hanno illustrato queste tematiche Vittorio Fracassi, presidente di Sisim, Gaetano Tufano, project manager di Fujitsu Services, e Massimo Franzosi, caporedattore di Mark Up.
Quest’ultimo ha ricordato che gli stessi criteri informatici adottati per la loss prevention possono essere applicati a un sistema premiante per i dipendenti migliori, coinvolgendo così anche la direzione del personale e abbattendo ulteriormente i costi dell’investimento.
a.m.
stats