Il grande magazzino Gum passa nelle mani del Bosco di Ciliegi

A Mosca, Mikhail Kousnirovitch, patron del Bosco di Ciliegi, ha acquisito la maggioranza dello storico grande magazzino Gum che si affaccia sulla Piazza Rossa. È stato il gruppo Perikriost, che ha deciso di concentrarsi solo sulla propria grande catena di supermercati, a cedere il 50,25% del pacchetto azionario al noto retailer russo. Ma le novità nella capitale russa non sembrano finire qua.
Il Gum, il cui nome significa “magazzini generali di stato”, è stato inaugurato nel 1921 per volere di Lenin, mentre la sua privatizzazione è iniziata negli anni Novanta.
Già da tempo si parlava di questo possibile passaggio di mano, anche perché da alcuni mesi tutto l’edificio è oggetto di un’imponente opera di ristrutturazione e, nel breve, si prevede un rilancio di questa prestigiosa location che vanta numerose vetrine proprio sulla più famosa piazza della capitale.
Intanto corre voce che il gruppo Mercury sia invece interessato a disfarsi dello Tsum, l’altro grande magazzino statale poco distante dal Gum.
Restando in tema di indiscrezioni, si vocifera che i responsabili del Petrovsky Passage - nota galleria commerciale nel cuore della città dove Kousnirovitch ha aperto diversi negozi - abbiano regito male a questa acquisizione e siano intenzionati a non rinnovare i contratti d’affitto al Bosco di Ciliegi.
e.c.
stats