Il made in Italy punta sulla Corea del Sud

Proliferano le iniziative di promozione del made in Italy in Corea del Sud. Tre gli appuntamenti in programma nei prossimi giorni a Seoul: la rassegna sul nostro design "Italian Genius Now", l’inaugurazione della prima boutique coreana di 10 Corso Como e l’evento "Natural Sensations", curato dal Consorzio Vera Pelle Italiana Conciata al Vegetale.
In occasione dell’anno italiano in Corea e in concomitanza con la Seoul Fashion Week, in programma dal 17 al 24 marzo (fashionmagazine.it seguirà l’evento), la promozione del made in Italy nella penisola asiatica subisce una forte accelerazione. La Corea del Sud si sta infatti dimostrando un mercato promettente per le esportazioni dalla nostra Penisola, con una crescita complessiva del 19,5% nel primo semestre 2007 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e con ottime performance nei comparti calzature e pelletteria (+45%) e maglieria (+23%).
A inaugurare l’anno italiano in Corea la rassegna itinerante "Italian genius now" (che ha già fatto tappa nel 2007 in Vietnam e a Singapore, in vista del "trasloco" a Tokyo in aprile), in scena dall'altro ieri al 31 marzo presso il Korean Design Center di Seoul. Obiettivo della mostra - curata da Marco Bazzini e prodotta dal Centro per l’arte contemporanea di Prato con il contributo della Regione Toscana e la collaborazione del ministero degli Affari Esteri – è quello di presentare il design italiano dagli anni ’50 ai giorni nostri, attraverso icone entrate nella storia recente, quali la Vespa della Piaggio, la 500 della Fiat e le creazioni di Ettore Sottsass, solo per citarne alcune.
Il 18 marzo all’Hotel Lotte di Seoul è il turno invece di “Natural Sensations” (evento anch’esso viaggiante e già approdato a Parigi, Londra, New York e Tokyo), ideato dal Consorzio Vera Pelle Italiana Conciata al Vegetale di Ponte a Egola (PI) con la finalità di promuovere presso gli addetti ai lavori locali di tutta la filiera della pelletteria un prodotto e un procedimento produttivo esclusivamente italiani. Saranno presenti alla kermesse, oltre al presidente del Consorzio, Andrea Ghizzani, l’ambasciatore in Corea Massimo Andrea Leggeri e il direttore del locale ufficio Ice, Andrea Pezzullo.
Ma non finisce qui. La storica boutique milanese 10 Corso Como, in partnership con la divisione fashion della Samsung - il colosso coreano ("chaebol") che da solo vale quasi un quinto del Pil della nazione – inaugura il 20 marzo il suo primo concept store nella centralissima zona dello shopping Cheungdam-dong della capitale. Il negozio si sviluppa su 1.400 metri quadrati, distribuiti su tre livelli: leitmotiv dell'arredo, i tipici pois in bianco e nero mutuati dallo store milanese. Oltre alle proposte moda, lo shop presenterà prodotti di design, libri e musica, mentre un caffè-ristorante con giardino assicurerà alla clientela momenti di relax. Il sodalizio tra 10 Corso Como e Samsung non si fermerà alla sola Seoul, ma sarà presto esportato nelle maggiori città del continente asiatico.
g.ga.
stats