Il nostro referendum: Dolce & Gabbana in pole position

Dolce & Gabbana vincono in diverse categorie del nostro "referendum" tra i dettaglianti italiani di moda maschile, focalizzato sull'autunno-inverno 2003-2004: si posizionano infatti al primo posto alle voci creatività, rapporto prezzo/qualità, sell-out, comunicazione, catalogo e sito Internet.
A livello di consegne, invece, i due stilisti si lasciano soffiare la pole position da It Holding, che primeggia anche per quanto riguarda l'allestimento vetrine e, in generale, le azioni promozionali sul punto vendita e il visual merchandising, battendo rispettivamente Prada (consegne) ed Ermenegildo Zegna (allestimento vetrine & co.) che si piazzano al secondo posto. Ancora It Holding si impone su Prada e Roberto Cavalli per i riassortimenti.
Da segnalare, comunque, anche il successo di marchi di tendenza come Dsquared, "medaglia d'argento" relativamente alla creatività e al sell-out vincente, e John Richmond che in questi stessi ambiti arriva terzo.
Sempre apprezzata la concretezza di Giorgio Armani, secondo per quanto riguarda l'equilibrio fra prezzo e qualità mentre Prada è terzo.
Quanto al catalogo e alla comunicazione, il primato di Dolce & Gabbana viene insidiato da Antonio Marras, Roberto Cavalli, Ermenegildo Zegna e Giorgio Armani (catalogo) e Fay (comunicazione).
Su Internet, ferma restando la leadership di Stefano e Domenico, non sono tuttavia da tralasciare i siti di Gucci (secondo) e Armani (terzo). I risultati completi del "referendum" saranno pubblicati nel numero 1493 di Fashion, in uscita il 9 gennaio.
a.b.
stats