Il piano della crescita proposto da Anci

Anci ha deciso di appoggiare il piano della crescita espresso da Confindustria e di dare un proprio contributo, con particolare riferimento al settore calzaturiero, il cui attivo commerciale è salito del 19,4% da gennaio a maggio di quest'anno. Le proposte del presidente Cleto Sagripanti riguardano l'occupazione, ma anche la capitalizzazione delle aziende e gli investimenti in tecnologie.
Una delle preoccupazioni delle imprese è la crescita senza occupazione. Per questo Sagripanti suggerisce di "rendere permanentemente deducibile il costo del lavoro dei lavoratori assunti con contratto di apprendistato con un provvedimento che potrebbe essere in qualche misura retroattivo, agevolando chi ha già assunto gli apprendisti negli ultimi anni". "Sarebbe importante - aggiunge - anche un sostegno all'inserimento nelle imprese di giovani provenienti da istituti di formazione, attraverso analoghe forme di deduzione fiscale e trovare risorse per agevolare l'occupazione femminile".
Quanto alla capitalizzazione delle imprese, un'opportunità è data dall'immediata introduzione dell'aiuto alla crescita economica (Ace), previsto dal disegno di legge delega per la riforma fiscale e assistenziale, che consente una riduzione del prelievo Ires in base al nuovo capitale immesso nell'impresa, sotto forma di conferimenti in denaro da parte dei soci o di destinazione di utili a riserva. "In pratica - spiega Sagripanti - chi investe nella propria impresa, ne ha un vantaggio fiscale". In più, secondo il presidente, andrebbero previste misure di incentivo alla patrimonializzazione per imprese individuali e società di persone. "Un altro passaggio fondamentale è poi l'attività dei fondi di investimento, a partire da quella del Fondo Italiano d'Investimento - prosegue -. Si dovrebbe promuovere anche l'intervento dei fondi pensione e favorire l'attività delle società di venture capital". Il capo di Anci è inoltre favorevole all'alleanza fra imprese, per le quali dovrebbe essere previsto l'accesso al credito agevolato.
Quanto agli investimenti in tecnologia, il suggerimento dell'associaizone è quello di incentivare stabilmente gli investimenti in R&S, sia quelli realizzati internamente sia quelli in collaborazione con il sistema publico e organismi privati di ricerca.
e.f.
stats