In corso in Cina la quinta edizione della Intellectual Property Rights Week

In occasione della giornata mondiale per la tutela dei diritti della proprietà intellettuale (26 aprile), si sta svolgendo in Cina – è iniziata il 20 aprile, terminerà il 26 - la quinta edizione della Intellectual Property Rights Week. Molte le iniziative indette nelle principali città del Paese per fare il punto della situazione sul rispetto della proprietà intellettuale.
Ben 18 Ministeri tra cui il Ministero della Pubblica Sicurezza (MPS), il Ministero della Giustizia, il Ministero della Cultura e lo State Intellectual Property Office (SIPO), hanno organizzato in concomitanza con l’“Intellectual Property Rights Week” una serie di conferenze ed eventi per discutere il problema, studiare nuove strategie e sensibilizzare l’opinione pubblica cinese sull’argomento.
Nell’anno delle Olimpiadi, la Repubblica Popolare si mostra fermamente intenzionata a combattere questa piaga con strumenti sempre più rigidi. Il 9 aprile scorso, fa sapere in un comunicato stampa lo State Council, sono state approvate misure più severe per arginare questo grave fenomeno.
“Il Governo cinese è da tempo impegnato nella lotta contro la violazione dei diritti di proprietà intellettuale, e le ultime norme approvate sono un ulteriore passo avanti in questa direzione” ha dichiarato Yin Xintian, portavoce dello State Intellectual Property Office (SIPO).
Secondo le statistiche dello stesso State Intellectual Property Office, lo scorso anno 2.967 persone sono state arrestate in Cina per sospetta violazione degli Intellectual Property Rights. Inoltre, più di duemila casi di mancato rispetto della proprietà intellettuale sono stati denunciati nel Paese per un giro d’affari totale di 1,49 miliardi di yuan.
c.r.
stats