Inaugurato ieri a Milano il nuovo Coin Casa di 1.200 metri quadri

Ieri pomeriggio a Milano è stato presentato ufficialmente alla stampa il nuovo Coin Casa realizzato all’interno del grande magazzino Coin di piazza Cinque Giornate. Con i suoi 1.200 metri quadri di superficie è lo spazio casa più grande inaugurato dal gruppo di Mestre.
“Più che un negozio, è una vera e propria casa che si anima in una successione di stanze, ricreando l’atmosfera di ambienti familiari – ha spiegato a fashionmagazine.it Roberto De Chirico, general merchandising manager di Coin -. L’idea è stata quella di creare un luogo confortevole, dove la gente possa stare con tutta tranquillità proprio come in un’abitazione, e venga allettata sia da un’offerta sempre più ricercata, sia da una serie di ‘contaminazioni’, come la proposta di olio e caffè”.
Questo reparto rientra infatti nel progetto del nuovo concept Coin giocato all’insegna della multisensorialità, dove sapori, colori, profumi e sensazioni si intrecciano influenzandosi reciprocamente.
“Coin Casa è un format che può comunque vivere di luce propria - ha continuato De Chirico -. Entro il 2005 dovremmo aprire 30 punti vendita per arrivare, a fine 2006, a quota 50: la maggior parte di questi store sarà in franchising, qualcuno anche diretto”. Attualmente i grandi magazzini Coin sono 77, 38 dei quali a gestione diretta (tutti tranne uno con un Coin Casa) e 39 in affiliazione.
Visto che di recente l’Upim di piazza San Babila (Gruppo Rinascente) è stato rifatto a nuovo, inserendo un grande reparto casa (vedi fashionmagazine.it del 15 ottobre), la domanda sui potenziali competitor di Coin Casa sorge spontanea.
“Premesso che in Italia non esistono concept simili al nostro - ha concluso il general merchandising manager di Coin - in grado cioè di raggruppare collezioni di tessile e living in modo molto coordinato, abbiamo comunque dei concorrenti indiretti. Per esempio Upim, che ha un’offerta più basica e rivolta a un pubblico meno sofisticato del nostro, può in certi ambiti risultare concorrenziale. Così come La Rinascente, Frette, per il tessile casa e Ovvio, per l’arredo”.
e.c.
stats