Inaugurato oggi Palazzo Morando, spazio dedicato alla moda in via Sant’Andrea

Stasera riapre in via Sant’Andrea 6 a Milano, dopo un accurato lavoro di restauro, lo storico Palazzo Morando, che si propone come un centralissimo spazio espositivo. Attesi il sindaco di Milano, Letizia Moratti, l’assessore alla Cultura, Massimiliano Finazzer Flory e altre autorità.
L’happening odierno è stato preceduto stamattina da una presentazione in anteprima per la stampa, dove tra gli altri personaggi di rilievo sono intervenuti lo stesso assessore Finazzer Flory, Mario Boselli (alla guida della Camera della Moda Mario Boselli), il presidente di Altagamma Santo Versace, Enrico Marinelli (presidente di Frette) e la costumista da Oscar Gabriella Pescucci. L'opening è accompagnato dal vernissage di alcune mostre. Al primo piano le collezioni di tessuti, abiti e accessori fino a oggi conservate presso le Civiche Raccolte d’Arte Applicata al Castello Sforzesco hanno trovato la loro definitiva collocazione con l’esposizione “Milano e lo stile di una città tra Settecento e Novecento”. Il piano terra ospita “The thread of dreams”, in onore dei 150 anni di Frette, e poi c’è spazio per “Dettagli di moda. Gli anni Venti e Trenta nella collezione Mangiameli” e per “La collezione Tirelli. Costumi dell’atelier tra cinema e teatro”. “Il nuovo allestimento di Palazzo Morando non si propone come museo della moda, perché sarebbe una contraddizione fissare negli schemi museali classici il fashion che, al contrario, è continua evoluzione – ha spiegato Finazzer Flory -. Palazzo Morando si presenta piuttosto come un luogo del sapere e dell’emozione dove ammirare, in oltre 2mila metri quadrati, i capolavori del passato, analizzare l’immagine del presente e costruire suggestioni per il futuro”. Si tratta dunque di uno spazio polivalente, destinato alla ricerca di linguaggi estetici e alla promozione di un’immagine giovane e giocosa del costume e della moda.
c.me.
stats