Incentivi del Governo anche per le calzature e la pelletteria: il commento di Anci

Le commissioni competenti della Camera hanno stabilito di includere anche le calzature e la pelletteria tra i settori che beneficiano delle misure di defiscalizzazione delle spese di realizzazione di campionari e prototipi, contenute nel Decreto Legge Incentivi 40/2010. "È stato ristabilito un equilibrio", ha commentato Vito Artioli, presidente dell'Anci.
Sono state dunque accolte le richieste di emendamento del decreto avanzate dall'associazione, che rappresenta i produttori italiani di scarpe e che si sarebbe sentita penalizzata se fosse stata esclusa da provvedimenti che non possono non tenere conto di un comparto vitale per il made in Italy, come quello calzaturiero.
Oltre a ringraziare le autorità competenti per questa decisione, il presidente di Anci ha voluto sottolineare come "qualsiasi futura proposta di legge volta a contribuire in modo concreto alla stabilizzazione e al consolidamento della filiera moda in Italia, attraverso sgravi fiscali o agevolazioni sugli investimenti d'impresa, debba tenere in considerazione l'indissolubilità del settore con il tessile-abbigliamento".
a.b.
stats