Investimenti retail in Europa: anno difficile, ma si recupera nel quarto trimestre

Nel quarto trimestre 2009, secondo Jones Lang LaSalle, gli investimenti nel settore retail in Europa hanno raggiunto i 4,5 miliardi di euro (100 transazioni), in crescita del 60% rispetto al terzo trimestre. Tuttavia, il volume complessivo registrato nell’anno è stato di 12,3 miliardi di euro, in flessione del 32% sul 2008.
Nell’Europa Continentale (esclusi Regno Unito e Irlanda), a causa degli alti costi e del difficile accesso al credito, l’ammontare degli investimenti sempre durante l’anno è stato invece di 7,3 miliardi di euro (-40% in confronto al 2008).
Di fatto tra i vari Paesi europei, Regno Unito, Germania, Italia e Francia hanno dominato il mercato, con operazioni di valore superiore a 1 miliardo di euro.
In Gran Bretagna, da ottobre a dicembre, si è evidenziata la maggiore attività, con più di 40 transazioni, pari a 2 miliardi di euro, quasi il doppio rispetto al terzo trimestre.
Con quattro operazioni per oltre 100 milioni di euro, il mercato tedesco è stato il più attivo nel 2009 in Europa Continentale (21% dei volumi complessivi transati). In Francia e in Italia l’ammontare è stato di circa 1,2 miliardi di euro.
Con il 56% sul totale delle transazioni, i centri commerciali hanno rappresentato ancora il target principale per gli investitori, sempre focalizzati su prodotti “prime” nelle principali aree.
Nell’anno, l’Europa Continentale ha assorbito il 66% del totale delle operazioni con 4.8 miliardi, rispetto al 55% del 2008. Viceversa, gli investimenti nei retail park sono molto diminuiti: da 2,5 miliardi di euro nel 2008 a 526 milioni nel 2009.
e.c.
stats