It Holding perde quota in Borsa dopo richiesta proroga alle banche e dimissioni Negro

Dopo il -7,9% di ieri, in chiusura di seduta il titolo It Holding segna un -15% in Borsa. Ieri il gruppo della moda ha chiesto alle banche il rinvio del pagamento di una rata del debito in scadenza. Nella controllata Ittierre, invece, si è dimesso "per motivi personali" l'a.d. Maurizio Negro. La cooptazione di un altro amministratore è stata rinviata a una prossima riunione del cda, come ha fatto sapere la società in una nota.
Ieri scadeva una rata del prestito sindacato (capofila, la banca Intesa Sanpaolo) e la holding presieduta da Tonino Perna ha incontrato i rappresentanti di alcuni tra i principali istituti finanziatori, per valutarne un possibile rinvio al 18 aprile (quando scadrà un'ulteriore quota). “Tale richiesta - dice un comunicato - sarà esaminata nei tempi tecnici dai competenti organi deliberanti”.
Per questa tranche (9,4 milioni di euro di un prestito da 108 milioni) It Holding aveva già chiesto e ottenuto una prima proroga, cosa che aveva portato Standard & Poor's a pronunciarsi con una doppia C, mentre ieri l'agenzia ha tagliato il rating da CC (sinonimo di "high risk") a SD (cioè, selective default). Moody's, invece, ha aggiornato il rating sulle senior note 2012, per un valore di 185 milioni, da Caa1 a Ca (che significa, altamente speculativo).
Nessun aggiornamento, invece, è pervenuto in merito alle trattative recentemente avviate con la Mensun di Billy Ngok (vedi fashionmagazine.it dell'11 dicembre), che dovrebbe portare alla cessione di alcuni asset della holding (si parla del 100% di Ittierre, la controllata cui fanno capo le licenze concesse da maison come Roberto Cavalli, Versace e Costume National).
e.f.
stats