It Holding: ricavi in crescita, ma gli oneri finanziari incidono sul risultato pretasse

It Holding ha presentato un primo semestre con un fatturato consolidato in rialzo del 2%, trainato dall’aumento delle vendite di prêt-à-porter e accessori (+2,9%). In crescita il margine operativo lordo e il risultato operativo (Ebita), ma l’utile ante-imposte si è ridotto a 1,3 milioni di euro (-71,7%). Poco prima delle 12 il titolo della società segna un ribasso dell’1,87% e viene scambiato a 2,355 euro per azione a Piazza Affari.
I ricavi semestrali della società sono saliti a 318,9 milioni di euro (+8% a cambi costanti e togliendo dal perimetro di consolidamento del primo semestre 2002 la parte attribuibile ai marchi Romeo Gigli, Gigli e Husky, gestiti da terzi su licenza). Il fatturato relativo al marchio Ferré, in particolare, è cresciuto del 3,2% a 58,1 milioni di euro, cui vanno ad aggiungersi altri 60 milioni generati dalle licenze esterne. Oltre al positivo andamento di prêt-à-porter e accessori (85,8% del fatturato), nel periodo si sono messi in evidenza anche i profumi (1,2% dei ricavi), che hanno messo a segno un rialzo dell’86,5%. Per contrasto gli occhiali (10,9% del fatturato) hanno subito una flessione delle vendite del 14,7%.
L’Europa ha realizzato un incremento del 9,5% del turnover ma l’Italia, principale mercato con una quota del 39,6%, ha subito un calo dell’1,6%. In contrazione del 6,4% anche l’America, mentre il resto del mondo ha segnato un +2,5%.
Nei primi sei mesi dell’esercizio il margine operativo lordo di It Holding è aumentato a 39,9 milioni di euro (+16%) e l’Ebita (il risultato operativo sommato all’ammortamento dei marchi e all’avviamento) ha raggiunto i 26,3 milioni di euro (+17,9%). Il risultato pretasse è sceso invece a 1,3 milioni di euro dai precedenti 4,6 milioni a causa, come informano dalla società, dei maggiori oneri finanziari connessi all’acquisizione del marchio Gianfranco Ferré (giugno 2002). Si tratta in particolare del prestito obbligazionario da 200 milioni di euro lanciato nel maggio dello scorso anno.
A commento dei risultati Tonino Perna, presidente e a.d. del gruppo, ha dichiarato che le stime sono di una crescita del giro d’affari 2003 in linea con quanto realizzato nella prima metà dell’anno.
e.f.
stats