Japan Fashion Week: oltre 40 collezioni alla settimana della moda di Tokyo

Il Giappone reagisce alla crisi: a Tokyo la settimana della moda giapponese, la Japan Fashion Week (Jfw), si è appena conclusa con un bilancio di oltre 40 sfilate in quattro giorni. Numerosi, inoltre, gli eventi fuori calendario, organizzati sempre di più a ridosso della kermesse ufficiale.
Una sinergia che fa sperare in una integrazione – necessaria per gli operatori del settore – con l’eterogenea Tokyo Collection. Accantonati i gossip di corridoio che volevano incerto il futuro della Japan Fashion Week, gli organizzatori confermano il proseguimento della manifestazione, di cui sono già in calendario altre due edizioni.
Infatti, dalle passerelle arriva un messaggio concreto e positivo: le proposte sono piene di colori e stampe, con riferimenti alla natura (soprattutto piume e farfalle), mentre i cardigan oversize in lana sdrammatizzano la serietà dei capi più costruiti.
Da sempre attenta ai giovani, la Jfw si è aperta con la presentazione della seconda edizione di Shinmai Creators Project – il progetto per i giovani talenti, che quest’anno ha visto tra gli sponsor anche Fiat – mentre nell’ultimo giorno di sfilate è stato presentato l'evento Asian Designers’ Collection in Tokyo, con nove emergenti da altrettante nazioni asiatiche, più quattro creativi dal Paese del Sol Levante.
La capitale crede nel futuro del settore, nelle potenzialità dei suoi stilisti, nella forza della sua organizzazione e ha voglia di proporsi anche all’estero con progetti come Tokyoeye, iniziativa del Meti (il Ministero dell’Industria locale), che ha il compito di promuovere i designer nipponici all'estero. Buona, in effetti, a questa Jfw, l’affluenza di buyer, stampa e importanti personaggi stranieri: da Valerie Steele - director e chief curator del Museum at the Fashion Institute of Technology (Mfit) di New York, in città per l’organizzazione di una nuova mostra -, ai portavoce di Elle Usa, V Magazine e Style Magazie di Singapore. Tokyo Midtown, storica venue dove si svolge gran parte delle sfilate, è stata affiancata dallo spazio OomLink al Roppongi Accademy Hills, che ha ospitato anche un ampio trade show, sui marchi in pedana ma non solo.
s.v.
stats