Jil Sander: per ripartire punta su Asia e New York

Per sanare i conti in rosso del 2001 e tentare il rilancio, Jil Sander si concentrerà sul mercato asiatico e sull’apertura, fra poche settimane, di un flagship store a New York sulla 57esima strada. Patrizio Bertelli, patron del gruppo Prada cui l’azienda fa capo, vede nel nuovo negozio un importante segnale al mercato statunitense. In generale, individua nel 2003 l’anno della svolta. Ma rimane l’ombra lunga di un 2001 pesante. Infatti lo scorso anno viene considerato il peggiore nella vita della maison (vedi notizia di fashionmagazine.it del 9 aprile). Jil Sander, dopo la flessione registrata nelle vendite in Germania lo scorso anno - il gruppo ha perso approssimativamente il 20% del suo fatturato - si concentrerà dunque sul mercato asiatico, che sta andando bene al momento, e su quello americano, anche grazie al lancio del flagship store a New York sulla 57esima strada che aprirà fra poche settimane.
ti
stats