Jimmy Choo cresce nel Vecchio Continente e si appresta a cambiare location a Milano

Il luxury brand Jimmy Choo prosegue l’espansione retail, a partire dal Vecchio Continente. Il marchio fondato da Tamara Mellon, attuale chief creative officer, in settembre inaugurerà una location più ampia a Milano, 230 metri quadri su due livelli in via Sant’Andrea angolo via Montenapoleone. Ma sono in programma altri opening fra Italia, Francia e Svizzera.
Il nuovo monomarca meneghino, la più grande vetrina della griffe in Europa continentale, sostituirà il negozio di via San Pietro all’Orto 17, proponendo una ancor più vasta scelta di calzature, borse, piccola pelletteria e accessori. I progetti del marchio, che fa capo al fondo di private equity TowerBrook Capital Partners, contemplano anche l’apertura, nel gennaio 2011, di uno spazio autonomo all’interno di La Rinascente.
In Francia, questa settimana, Jimmy Choo inaugura uno shop-in-shop da Le Bon Marché a Parigi, mentre in ottobre, a Zurigo, sarà la volta del primo store in territorio elvetico: 400 metri quadri nel cuore dello shopping district della città, in Bahnhofstrasse. Con questi quattro punti vendita, tutti a gestione diretta, la società porterà a 110 insegne il network retail nel mondo.
Non solo soddisfazioni sul fronte strategico-commerciale per la guida creativa della griffe di lusso: per i suoi contributi all’industria della moda, infatti, Tamara Mellon è stata nominata Obe (Officer of the British Empire), una delle massime onorificenze assegnate ogni anno dalla regina Elisabetta.
d.p.
stats