Jones Apparel chiude il 2003 con ricavi per 4,37 milioni di dollari

Bilancio positivo per Jones Apparel, che ha chiuso il 2003 con un fatturato consolidato di 4,375 miliardi di dollari, in crescita rispetto ai 4,341 miliardi dell'anno precedente. In salita anche i dati relativi al quarto trimestre, dove il giro d'affari è passato da 964,5 milioni di dollari del 2002 a 980,1 milioni del periodo ottobre-dicembre appena concluso.
In particolare buone performance sono state raggiunte dalla divisione retail, che negli ultimi tre mesi del 2003 ha generato un incremento delle vendite pari al 3,7%. "Abbiamo completato con successo l'acquisizione di Kasper che ci permetterà di rafforzare la nostra presenza nei mercati considerati strategici" ha detto Peter Boneparth, amministratore delegato del gruppo, fra i cui marchi spiccano Gloria Vanderbilt, Polo Jeans Company e Anne Klein.
Tuttavia, nel quarto trimestre l'utile operativo è sceso da 96,3 milioni di dollari a 79,1 milioni a causa, secondo Wesley Card, direttore finanziario del gruppo, dello scioglimento della licenza con Ralph Lauren per la linea Lauren by Ralph Lauren che generava ricavi per 33 milioni di dollari. Inoltre, l'acquisizione di Kasper, anche se ha incrementato il fatturato di 22 milioni di dollari, ha avuto un impatto negativo sui margini di profitto pari a 4,8 milioni di dollari. "Per il 2004 - ha detto Card - le nostre previsioni di fatturato rimangono in un range compreso tra i 4,415 e i 4,435 milioni di dollari. A incidere sui ricavi totali sarà il riscatto delle obbligazioni convertibili per un importo pari a 446,6 milioni di euro, previsto per questo mese".
v.s.
stats