Jones Apparel: sale l’utile, scende il fatturato

Nel secondo trimestre dell’anno Jones Apparel Group ha registrato un fatturato di 804 milioni di dollari, in calo del 3,1% rispetto all’analogo quarter del 2008, mentre l’utile netto è avanzato del 23,6%, attestandosi a 13,1 milioni. In crescita del 28,5% il jeanswear nella divisione wholesale.
Sempre all’interno della divisione, il giro d’affari dell’area “better apparel” è diminuito del 13,7%, mentre quello di “footwear & accessories” ha ceduto il 14%. Il turnover del canale retail è arretrato del 14%. Il player americano, cui fanno capo brand come Jones New York, Nine West e Anne Klein, ha archiviato la prima metà del 2009 con ricavi pari a 1,69 miliardi di dollari (-6,1%) e profitti netti di 13,4 milioni, più che dimezzati rispetto allo stesso semestre del 2008. Al termine del secondo quarter, comunque, il gruppo capitanato da Wesley R. Card ha messo a segno vendite più alte rispetto alle aspettative, malgrado il perdurare della crisi economica e l’impasse nei consumi, risultando profittevole in ogni segmento di business.
d.p.
stats