Joyce investe sulla Cina mainland e riduce le perdite

Joyce Boutique Holdings ha deciso di ampliare il programma di espansione in Cina mainland dove ha già firmato accordi con almeno 10 retailer. Nei primi sei mesi 2002, al 30 settembre, il noto gruppo retailer di Hong Kong leader nella moda di lusso ha ridotto le perdite nette. Joyce sta reagendo alla crisi che ha investito l’ex colonia britannica con importanti iniziative, a partire dal progetto di penetrazione nella Cina mainland, iniziando da Shanghai. Fondamentale anche la riduzione delle perdite nette nel primo semestre 2002 (al 30 settembre), passate da 26,1 milioni di HKD a 11,3 milioni di HKD (pari a 1,4 milioni di euro) grazie alla migliore performance dei negozi Joyce e al taglio di alcuni costi, compresa la chiusura sia della catena Ad Hoc sia della divisione Joyce Caffé. Le vendite in questo stesso periodo sono cresciute del 10,8% a quota 249,6 milioni di HKD aiutate da una serie di programmi promozionali e di marketing. La società fondata da Joyce Ma - che per prima ha avuto il grande merito di portare la moda firmata in Oriente – e acquisita nel 1999 da Weelock Company - importante società di investimenti immobiliari con un portfolio retail che comprende anche gli specialty store Lane Crawford – si è inoltre garantita i diritti di distribuzione per la Cina di brand come Issey Miyake, Comme des Garçons, Missoni, Dolce & Gabbana e D&G accessori. Non solo: Joyce prevede anche di aprire alcuni punti vendita plurimarca con la propria insegna a partire dall’opening del prossimo anno a Shanghai. Questi negozi, simili nell’immagine ai tre mega store di Hong Kong (in Central e in Pacific Place ad Admiralty) e di Kowloon (in Canton Road), avranno però dimensioni inferiori a quelle dei punti vendita nell’ex colonia britannica di circa 1.500 metri quadri. L’altro colpo già messo a segno da Joyce riguarda il contratto di franchising in esclusiva del brand Marc Jacobs per Taiwan, operazione sancita dall’apertura del monomarca a Taipei lo scorso agosto. Altre inaugurazioni sono previste per il 2003 a Taipei, Taichung e Kaohsiung.
e.c.
stats