Kenzo Takada contro il gruppo Lvmh per il logo

Kenzo Takada, lo stilista giapponese fondatore della griffe Kenzo, ha citato in giudizio il gruppo Lvmh accusandolo di usare il suo logo illegalmente.
Lo scorso martedì, lo stilista ha promosso un’azione giudiziaria con un tribunale di Parigi chiedendo 6,4 milioni di euro di danni. Kenzo Takada accusa il gruppo del lusso francese di usare un logo che in giapponese significa Kenzo Takada. I diritti per il marchio sono stati restituiti a Takada nel 1997 in base a un accordo negoziato con Lvmh che ha mantenuto i diritti per il nome Kenzo. Takada ha venduto la sua fashion house al gruppo Lvmh nel 1993 per 29 milioni di euro ed è rimasto al suo interno come top designer del marchio per sette anni dopo quella data.
Kenzo Takada ha dichiarato di aver rilevato la violazione solo quando ha cercato di registrare il trademark Kenzo Takada nel 2000. Si pensa che i legali di Lvmh abbiano prodotto un documento nel quale si stabilisce che lo stilista aveva ammesso che il logo in caratteri giapponesi apparteneva al gruppo. Ora si attende l’11 marzo, data in cui il tribunale dovrebbe prendere una decisione.
go
stats