L’Oréal presenta i risultati annuali e Owen Jones passa il testimone

Nell’annunciare, per il ventesimo anno consecutivo, una crescita a doppia cifra dei profitti pretasse, Lindsay Owen Jones ha deciso di sottoporre al board of director il progetto di separare la funzione di chairman da quella di ceo, oggi entrambe di sua competenza. Alla guida della società, il cui core business è la cosmetica, è stato designato Jean Paul Agon.
Commentando le performance annuali, Owen-Jones ha dichiarato: “Grazie alle innovazioni messe a punto dai ricercatori interni e al successo dei brand di proprietà, l’Oréal ha incrementato le vendite annuali del 6,8%, se si esclude l’impatto delle fluttuazioni dei cambi”. “Questa ulteriore crescita si deve alla diversificazione del canale retail e alla presenza sui mercati ad alto tasso di crescita – ha aggiunto –. Abbinata a un serrato controllo dei costi, questa strategia ha consentito un significativo aumento della profittabilità”.
Alla riunione del cda che farà seguito all’Annual general meeting, in calendario per aprile, Owen-Jones sottoporrà al board la candidatura di Jean Paul Agon per la posizione di chief executive officer. Il 48enne Agon, nel gruppo della cosmesi dal 1978, è stato general manager per numerosi marchi di proprietà e ha guidato lo sviluppo dei mercati asiatici nel 1997. Attualmente è presidente di L’Oréal Usa, incarico che gli è stato conferito nell’ottobre del 2001.
”Nel passaggio di consegne la continuità è assicurata dal fatto che Owen-Jones mantiene la carica di chairman”, ha dichiarato Rainer E. Gut, vicepresidente del board, che a sua volta ha manifestato la volontà di uscire di scena alla fine del meeting annuale. Anche François Dalle, ceo di L’Oréal dal 1957 al 1984 e membro del cda dal 1950, ha deciso di non rinnovare la sua candidatura per il board. All’Annual meeting sarà proposto il rinnovo delle candidature per il board di Françoise Bettencourt Meyers, Peter Brabeck Letmathe e Jean-Pierre Meyers. Sono invece in lizza come nuovi amministratori Louis Schweitzer, chairman e chief executive officer di Renault e Werner Bauer, executive vice-president “Research and Production” di Nestlé.
e.f.
stats