La Camera di Commercio rivela: a Milano ogni giorno nasce un nuovo designer

Milano è un territorio quanto mai fertile per il debutto di nuovi creativi. Dal convegno di scena nei giorni scorsi a Milano intitolato “Realizzare l’improbabile. Il design a Milano: ascendenze e prospettive” è emerso che quasi quotidianamente nel capoluogo lombardo nasce un nuovo designer (considerando solo i giorni lavorativi). Nei primi tre mesi del 2010 risultano 56 nuove iscrizioni alla Camera di Commercio di realtà nell’ambito della moda, del disegno industriale e della grafica.
Le informazioni sono frutto di un’elaborazione della Camera di Commercio meneghina su dati del registro imprese. Le 56 iscrizioni del trimestre rappresentano il 40% circa del totale lombardo e sono 19 in più rispetto allo stesso trimestre del 2010 (+51,4%). In tutto il 2010 sono state 347 le imprese lombarde del settore design (in progress del 18,8%), con 113 nuovi ingressi. Tra le province più dinamiche, dietro Milano, ci sono Brescia, Monza e Brianza e Pavia.
È tendenzialmente giovane, ha tra i 30 e i 50 anni, è uomo in due casi su tre e italiano: questo l’identikit del nuovo designer. Più elevata rispetto agli altri settori è la presenza femminile: 33% rispetto al 20% circa nella media delle imprese. La quota di quanti superano i 50 anni è maggiore rispetto a quella nazionale (15% contro 10%).
Sono 26.055 i dottori in architettura, ingegneria edile e design laureati nel 2009, il 62% dei quali ha trovato impiego tra il 2009 e il 2010. Per un designer su cinque (20%) il settore di destinazione è stato il comparto manifatturiero, mentre uno su dieci si è inserito nel commercio al dettaglio e l’8% è entrato in uno studio professionale. La tipologia pù diffusa è il contratto a tempo determinato (27%), seguito da quello a progetto (19%) e a tempo indeterminato (17,6%). Le informazioni sono emerse dal rapporto sui laureati in Lombardia, promosso da Camera di Commercio di Milano e Unioncamere Lombardia.
c.me.
stats