La Gianni Versace si concentra su pre-collezioni e prêt-à-porter

La Gianni Versace ha annunciato di volere potenziare gli investimenti pubblicitari e le risorse per la pre-collezione, con l’obiettivo di aumentare lo sviluppo della pre-collezione stessa e del prêt-à-porter. Resta aperta, intanto, la ricerca di un socio.
L’attenzione si focalizzerà su design, ricerca, produzione e consegne: “La nostra collezione donna diventa a ogni stagione più forte – ha detto il direttore generale Daniele Ballestrazzi -. Le vendite retail della primavera/estate 2004 sono cresciute del 28% rispetto all’anno precedente, mentre quelle all’ingrosso per la l’autunno/inverno 2004 hanno avuto un incremento del 22%”.
La pre-collezione e la collezione principale saranno rinominate rispettivamente “Main Collection” e “Runway Collection”: per giugno è prevista la presentazione della “Main Collection” femminile, ampliata rispetto al passato insieme a quella maschile. Inoltre non sarà presentata la linea Atelier a Parigi, ma si continuerà a lavorare per i clienti privati dell’Atelier dalla sede di Milano.
I cambiamenti annunciati saranno realizzati a partire dalla primavera/estate 2005. Nelle previsioni del management del gruppo la “Main Collection” (donna) dovrebbe rappresentare il 65% delle vendite stagionali, mentre la “Runway Collection“ (sempre femminile) il 35%.
Gli investimenti pubblicitari e di marketing saranno aumentati per la seconda metà dell’anno (del 20% circa), anche in seguito ai risultati positivi registrati nel primo trimestre. Queste scelte coinvolgono i mercati italiano, russo, statunitense e del Far East.
“La nuova scelta strategica – ha concluso Ballestrazzi - avrà un impatto positivo in termini di efficienza produttiva, tempi di consegna, risparmi di costi e migliore sell-through per i partner all’ingrosso e i punti vendita di proprietà del Gruppo Versace”.
Le proposte Versace sono distribuite attraverso 120 negozi di proprietà, 86 franchising e in più di 300 spazi dedicati all’interno di department store e duty free in oltre 60 Paesi del mondo. Il fatturato del Gruppo Versace supera oggi i 500 milioni di dollari.
Niente di nuovo, invece, sul fronte partner. Dopo l’accordo firmato dalla maison con Banca Intesa, cui sono state affidate la ristrutturazione del debito e l'organizzazione di un finanziamento di 140 milioni di euro (vedi fashionmagazine.it del 25 marzo 2004), resta aperta la ricerca di un socio di minoranza la cui quota, stando alle dichiarazioni alla stampa di Santo Versace, dovrebbe aggirarsi intorno al 25% del capitale, ma non è escluso che possa arrivare al 30%.
c.mo.
stats