La Perla accelera sul retail con nuovi opening all'estero

Punta a rafforzarsi soprattutto sul mercato asiatico La Perla, che per il prossimo triennio ha pianificato uno sviluppo distributivo nel canale retail, con aperture di monomarca nelle piazze strategiche del Far East. Non mancano però iniziative commerciali nel Vecchio Continente e in America.
Sotto la guida di Tim Brasher - ceo della griffe di lingerie nell'orbita di Jh Partners dallo scorso dicembre, al posto di Alain Prost - il numero di negozi La Perla subirà infatti una significativa impennata, con la previsione di almeno 25 aperture tra Cina, Hong Kong, Taiwan, Dubai e Giappone.
Parallelamente, non verranno meno i progetti di sviluppo nell'ex Unione Sovietica, dove entro l'inizio del prossimo anno saranno inaugurati altri due store in Russia.
Quanto all'Italia e all'Europa in generale, saranno privilegiate azioni di consolidamento e, in alcuni casi, di riqualificazione di boutique già esistenti, con un focus particolare sul potenziamento dei corner all'interno dei department store.
All'appello non mancheranno i Paesi d'oltreoceano: tra le nazioni interessate ai progetti di espansione di La Perla figurano in primis Canada, Sud America e Brasile.
a.t.
stats