La nuova Esprit scommette sull'uomo in Usa

Conclusa a fine aprile la riunificazione del marchio, oggi controllato al 100% dalla Esprit Holdings Limited, società quotata a Hong Kong, si parla di un rientro in forze negli Usa, anche con la prima linea uomo. L'operazione è stata annunciata a febbraio e conclusa a fine aprile: la Esprit Holdings Limited, società quotata di Hong Kong (un colosso che controlla oltre tre milioni di metri quadrati di spazi retail in oltre 40 Paesi del mondo) ha rilevato il 100% di Esprit International (di cui già deteneva il 63%, la restante parte apparteneva a Esprit de Corp.) nonché tutti i diritti del marchio negli Stati Uniti e nell'area caraibica per un valore di 150 milioni di dollari. Una mossa che ha permesso la riunificazione sotto un unico controllo, e soprattutto l'acquisto dei diritti negli Usa (prima in mano a un'altra società asiatica), di un marchio che di recente è stato classificato tra i cento maggiormente riconosciuti nel mercato a stelle e strisce (dove lo scorso anno ha realizzato un fatturato di 200 milioni di dollari). Secondo quanto riportato dall'ultimo notiziario Ice dagli Stati Uniti, la nuova struttura societaria ha annunciato di voler accelerare sul mercato americano dove si presenterà con una veste rinnovata a partire dal 2003. La strategia prevede l'apertura di alcuni megastore dove vendere tutta la linea di prodotti Esprit. Tra cui, per la prima volta, una linea di abiti da uomo.
l.t.
stats