La prima edizione del Woolmark Prize premia il talento di Qiu Hao

Si è tenuta ieri, al Palais de Tokyo di Parigi, la cerimonia di consegna del Woolmark Prize, in presenza di Craig Welsh, presidente di Australian Wool Innovation che ha indetto la competizione e di Sonia Rykiel, madrina dell’evento. Ha vinto il trentenne cinese Qiu Hao, diplomato alla Central Saint Martins.
Label fondato nel 1964, Woolmark è entrato a far parte della Australian Wool Innovation nel settembre del 2007, divenendo garante e promotore della qualità della lana Merinos. Il Woolmark Prize ha l’obiettivo di sostenere uno stilista emergente, in attività da almeno due stagioni, sulla base di una mini-collezione di capi in lana capaci di mettere in luce le caratteristiche e le qualità della materia prima.
Questa prima edizione del concorso ha ricompensato tra numerosi designer di provenienza internazionale il talento del cinese Qiu Hao. Forte di una somma pari a 100 mila euro e del supporto produttivo e industriale di Woolmark, questo stilista emergente potrà sviluppare e promuovere la propria collezione. Una serie limitata dei capi firmati da Qiu Hao sarà inoltre venduta presso Colette a partire dall’autunno.
Le collezioni dei finalisti sono esposte al Palais de Tokyo, fino al 6 luglio. Sebbene all'esordio, in realtà il Woolmark Prize vanta un antenato di prestigio: nel 1954, l’International Wool Secretariat aveva organizzato un concorso e conferito un riconoscimento a Yves Saint Laurent, allora diciannovenne, per la creazione di un abito. Nella stessa occasione, il ventunenne Karl Lagerfeld si distinse nella categoria “cappotti”.
v.t.
stats