La trimestrale Benetton specchio del momento di difficoltà

I risultati consolidati Benetton nel primo trimestre 2009 sono stati influenzati dal rallentamento generalizzato dei consumi: i ricavi netti del gruppo dell’abbigliamento di Ponzano Veneto raggiungono i 449 milioni di euro, in calo del 2% a cambi costanti (del 3,4% a cambi correnti). L’utile netto si attesta a 18 milioni di euro: nell’analogo periodo 2008 ammontava a 29 milioni di euro.
Tutti gli indicatori economici testimoniano il quadro di difficoltà congiunturale in cui si è trovato a operare anche il colosso italiano della moda casual, presente con i propri store in tutto il mondo. Il risultato operativo si colloca infatti a 25 milioni di euro, con un’incidenza sul fatturato del 5,5%, rispetto al 10,2% del primo trimestre 2008.
La società tuttavia fa notare che, al netto delle componenti straordinarie che hanno impattato con segno diverso sul primo quarter 2008 e 2009, il risultato operativo “normalizzato” si attesterebbe nel trimestre appena concluso a 29 milioni di euro (6,4% sul fatturato), contro i 41 milioni del primo trimestre 2008 (9%). Infine, l’ebitda è pari a 50 milioni di euro (11,1% sul fatturato), contro i 65 milioni (14%) del corrispondente periodo 2008.
A soffrire sono soprattutto i mercati consolidati, che presentano un giro d’affari in calo del 2,7% a cambi costanti nei primi tre mesi dell’anno, con una sostanziale tenuta dell’area del Mediterraneo, nonostante il rallentamento della Spagna. I Paesi emergenti crescono invece a cambi costanti del 2%: in particolare l’India presenta un’accelerazione di sviluppo, mentre l’area russa mostra segni di frenata nelle performance, legati anche al deprezzamento della valuta locale. Infine, la Turchia evidenzia una leggera crescita.
e.a.
stats