Lacoste torna a investire in Cina

Via libera all'espansione in Cina per La Chemise Lacoste. Il presidente Bernard Lacoste ha dichiarato: "Nel giro di dieci anni vorremmo che la Repubblica Popolare diventasse il nostro mercato più importante, contribuendo al 20% delle entrate".
Attualmente la Cina contribuisce a circa il 4,5% del fatturato mondiale, che lo scorso anno ha superato il miliardo di dollari, grazie alla presenza di 140 punti vendita.
La prima boutique in territorio cinese è stata inaugurata dieci anni fa: ma la penetrazione in questo mercato è stata seriamente rallentata dalla presenza di un gran numero di articoli contraffatti e da una lunga battaglia legale conclusasi la scorsa settimana.
Dopo quattro anni Lacoste ha finalmente raggiunto un accordo con Crocodile Garments Ltd, società di Hong Kong il cui logo è molto simile a quello del brand francese. L'espansione di Lacoste sarà facilitata anche dall'imminente apertura di un impianto industriale nelle vicinanze di Shanghai, mentre continuerà la lotta contro i falsificatori, che sarebbero oltre un centinaio secondo le stime del gruppo.
"Il 2004 sarà l'anno in cui ‘ripuliremo’ mercato cinese e il 2005 quello del rilancio", ha concluso Bernand Lacoste.
p.o.
stats