L’acquisizione di Calvin Klein da parte di Phillips-Van Heusen: tutti i dettagli

Confermata l’acquisizione di Calvin Klein da parte di Phillips-Van Heusen: il contratto sarà portato a termine entro i prossimi tre mesi. L’operazione fa parte di una strategia a lungo termine che prevede l’ingresso nella società americana di altri brand ad alto potenziale di crescita. Klein rimarrà all’interno della compagnia, in una posizione da definire.
Come riportato già all’inizio della settimana dal Wall Street Journal (vedi fashionmagazine.it del 17 dicembre), Phillips-Van Heusen Corporation, specializzata nella produzione di camiceria, pagherà 400 milioni di dollari più 30 milioni in azioni e 300 milioni in royalty. Gli obiettivi di Phillips-Van Heusen per il prossimo futuro sono ambiziosi: come ha spiegato il ceo Bruce Klatsky, l’azienda intende diventare uno dei nomi più conosciuti nel mondo dell’abbigliamento e lanciare nel 2004 una linea di sportswear uomo e donna in grado di competere con le proposte di Ralph Lauren dedicate a questo settore. In vista, sull’onda dell’acquisizione di Calvin Klein, l’ampliamento del parco marchi. L’azienda, che lo scorso agosto aveva ottenuto la licenza della camiceria cK per i mercati statunitense, messicano e canadese, non ha chiarito se l’accordo si potrebbe estendere anche a Calvin Klein jeans, ai profumi e agli occhiali, oltre che alla licenza sull’intimo detenuta dalla Warnaco, attualmente in amministrazione controllata. Da Calvin Klein, per il momento, non giungono commenti.
fi
stats