Le stagioni della moda: riparte il programma di iniziative a sostegno del distretto di Carpi

È stata presentata oggi a Milano la seconda edizione di "Le stagioni della moda", il programma di iniziative che il Comune di Carpi, in collaborazione con le associazioni di categoria, il sistema imprenditoriale locale e Carpiformazione, ha strutturato per sensibilizzare, informare e promuovere le imprese del sistema moda.
Visti i risultati raggiunti nella prima edizione, il progetto - che si svolge tra ottobre 2004 e maggio 2005 - sarà nuovamente incentrato sui temi dell'innovazione, ricerca, sostenibilità e creatività.
A dare il via a questa seconda stagione di appuntamenti a sostegno di uno dei più importanti distretti italiani è stato l'evento "Branding, comunicazione e Itc, nuove proposte per vendere moda", tenutosi la scorsa settimana, che mirava a supportare gli industriali su tematiche legate alle strategie commerciali e di marketing, con attenzione particolare all'impiego delle nuove tecnologie dell'informazione.
È fissata, invece, per il 29 novembre la manifestazione "La moda è di moda", una serata dedicata all'orientamento professionale nell'ambito del settore tessile/abbigliamento, mentre è in calendario per il 28 gennaio un seminario sulla distribuzione commerciale, i cui protagonisti a livello nazionale si confronteranno sulle possibilità e sulle modalità per raggiungere nuovi mercati esteri. Le due iniziative successive sono, in sostanza, dei laboratori creativi che hanno l'obiettivo uno di discutere sulle prospettive, evoluzioni e strategie del settore biotex (Atelier artemodanatura - 18 marzo 2005) e l'altro di valorizzare la creatività degli operatori grazie agli interventi di artisti di fama internazionale (Atelier, artemodacultura).
"Questa edizione di 'Le stagioni della moda' - ha detto Andrea Scappi, dirigente del settore economia del comune di Carpi e direttore di Carpiformazione - si concluderà con la sfilata e la premiazione del concorso Carpifashion 2005, a cui potranno partecipare giovani stilisti, tecnici di maglieria e studenti che privilegiano nelle loro lavorazioni l'innovazione tecnologica, la ricerca sul prodotto, sugli intrecci e sui tessuti a maglia". "Madrina e presidente della giuria, che si riunirà a fine aprile - ha proseguito Scappi - è ancora una volta Anna Molinari, personaggio di rilievo che ha sempre sottolineato le grandi capacità tecniche e manageriali dell'area carpigiana".
Definito come il distretto della maglieria, il sistema economico-produttivo di Carpi conta oggi 1.500 imprese e impiega circa 8.000 addetti, con un volume d'affari superiore al miliardo di euro.
v.s.
stats