L'eccellenza del made in Italy al G8

Incaricata direttamente dalla Protezione Civile Italiana (coordinata dal Sottosegretario Guido Bertolaso), la fondazione Biella The Art of Excellence ha organizzato la fornitura dei capi indossati dall'intero staff del G8, in calendario a L'Aquila da oggi al 10 luglio. Tra i brand coinvolti Corneliani e Bagutta ma anche La Perla, Frette, Pineider e Dainese.
“Il nostro legame con il territorio abruzzese - ha spiegato Luciano Donatelli, presidente di Biella The Art of Excellence - è da sempre molto forte. Aziende locali di alto livello acquistano già da molti anni tessuti biellesi, che utilizzano prevalentemente per le confezioni di capispalla da uomo. Viceversa, molti imprenditori biellesi hanno scelto l'Abruzzo come area privilegiata per i loro investimenti”.
Lo staff del G8 è dunque vestito con tessuti rigorosamente biellesi, in particolare dei lanifici Cerruti e Ormezzano. Gli abiti maschili sono stati realizzati da Corneliani, quelli femminili dalla sartoria industriale Annalisa. Bagutta e Novaseta hanno invece prodotto, rispettivamente, le camicie e le cravatte (anch'esse griffate Corneliani).
La bolognese La Perla si è occupata di vestaglie, pigiami e camicie da notte per i partecipanti al vertice e relative consorti, personalizzati con le cifre di ogni ospite (quelli per i capi di Stato, in particolare, sono in seta pura e fanno parte della nuova collezione Nero Perla, che debutterà sul mercato il prossimo anno). Nei loro alloggi, gli invitati al summit troveranno anche lenzuola in raso, copripiumini, asciugamani, accappatoi e pantofole firmate Frette. In più, il Governo ha deciso di omaggiare i leader delle grandi potenze con borse da lavoro, sottomano da scrivania e porta blocco da tavolo realizzati artigianalmente dal marchio fiorentino Pineider.
La Polizia di Stato ha invece scelto Dainese, azienda specializzata nella produzione di abbigliamento tecnico e protettivo per gli sport dinamici, come fornitore tecnico ufficiale delle divise per i 450 poliziotti in moto, di pattuglia nelle zone “calde” dell'appuntamento abruzzese.
Tra gli eventi del vertice di L'Aquila è in programma una mostra, “L'arte del saper far bene italiano”, che vuole celebrare il made in Italy, nonché il genio creativo, il design e la capacità produttiva e artigianale nazionale. Presenti gli oggetti che hanno segnato la storia del costume e la cultura italiana: dal violino di Amati alla Vespa, passando per l'eccellenza nell'arte del vetro, ma anche del tessuto e del libro.
e.f.
stats