L’espansione retail di Piquadro punta alla Cina, passando per l’Italia

Con l’apertura del primo monomarca a Bari, in via Sparano 23, Piquadro porta a 12 il numero delle insegne avviate in Italia e all’estero (Oriente in primis) negli ultimi tre mesi. Salgono così a 74 gli store del brand worldwide, 42 dei quali in franchising.
L’azienda di Silla di Gaggio Montano (Bo), che ha chiuso il primo semestre dell’anno con un fatturato stabile a quota 23 milioni di euro (vedi fashionmagazine.it del 20 novembre 2009), supportata dal buon andamento del canale retail, continua il programma di espansione commerciale: nel corso dell’autunno, oltre alla vetrina pugliese di oltre 30 metri quadri, ha inaugurato lungo la Penisola gli shop di Ravenna, Napoli, Trieste, Bergamo e Torino. Tutti gli spazi del marchio, sia dos sia in affiliazione, sono firmati dall’architetto e designer Karim Azzabi.
Ma è oltreconfine che la società guidata da Marco Palmieri sta investendo molte risorse, in particolare nell’area asiatica. Se gli ultimi opening di Barcellona e Mosca (entrambi al via in ottobre) consolidano il carnet europeo del player specializzato in pelletteria, sono ben quattro i punti vendita in Cina (Hong Kong, Taiwan, Shenzhen e Ningbo) che si vanno a sommare ad altrettanti negozi aperti sul territorio fra maggio e giugno a Pechino, Shanghai, Taipei e ancora Hong Kong.
d.p.
stats