Levi’s annuncia nuove licenze per Signature in Europa

Levi Strauss sta investendo sull’espansione della sua linea di prezzo relativamente più contenuto, Levi Strauss Signature, nel Vecchio Continente. Una strategia messa in atto attraverso nuove licenze in vari Paesi.
A parte l’accordo di licenza siglato in Francia con il gruppo Zannier sia per Levi’s childrenswear, sia per i capi di abbigliamento a marchio Signature destinati alla fascia zero/otto anni, è in fase di attuazione una partnership con il Groupe Royer: questa società, anch’essa francese e specializzata nel settore calzature, si occuperà delle scarpe Signature per uomo, donna e kid.
La tedesca Schiesser produrrà, sempre con questa etichetta, una gamma di intimo e calze, mentre a Brington Industries (il cui quartier generale è a Hong Kong, anche se si tratta di una realtà nata in Belgio negli anni Ottanta) sono state affidate pelletteria e borse.
Queste linee dovrebbero esordire sul mercato dall’autunno/inverno 2005-2006.
Tutte e quattro le aziende citate hanno già rapporti con Levi’s o con Dockers, la collezione di casualwear che però il colosso statunitense ha messo in vendita il mese scorso. “E’ il momento giusto per dare una spinta a Signature – commenta il brand director di Signature, Bruno Pfalzgraf -. Attualmente le vendite di questo marchio sono superiori alle aspettative nell’ordine del 12% o, in alcune aree, anche del 30%”. Signature è stata lanciata a partire dal mercato americano durante l’estate dello scorso anno e immessa sul mercato europeo sei mesi fa.
si
stats