L’occhialeria italiana protagonista a Parigi, dove domani inizia il Silmo

In occasione dell’apertura del Silmo - il salone dell’occhialeria che si tiene da domani al 20 ottobre a Parigi - il vice ministro alle Attività Produttive Adolfo Urso e i presidenti di Anfao (Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici) e Mido (mostra internazionale di Milano) hanno fatto il punto sullo stato di salute dell’industria dell’occhiale made in Italy in una conferenza stampa ospitata all’ambasciata italiana a Parigi.
Il comparto dell'occhialeria italiana ha chiuso il primo semestre 2003 con un export in calo del 2,7% a 795 milioni di euro. La contrazione del mercato americano è da considerarsi la principale causa del rallentamento delle esportazioni, determinato soprattutto dalla flessione degli occhiali da sole (-6,1%, per un valore di 471 milioni di euro), in parte controbilanciata dalla crescita delle montature (+3,1%, per un valore di 304 milioni di euro).
Le importazioni, attestatesi a 215 milioni di euro, sono diminuite dell’11,6%, segno di una riduzione anche sul fronte della domanda interna.
L'evento di promozione, organizzato da Anfao in collaborazione con l’ufficio Ice di Parigi, ha previsto una sfilata di occhiali, a cui hanno partecipato 40 aziende italiane con modelli della collezione primavera-estate 2004.
In quest’occasione sono state annunciate anche le novità riguardanti il Mido, il salone dell’occhialeria di Milano. Con l’edizione 2004 si passerà da quattro a tre giorni. La data scelta è dal 7 al 9 maggio. Nasce inoltre Mido-Eyesystem, un sistema di servizi e informazioni online disponibili tutto l’anno.
e.a.
stats