Lollipops: +12% nel 2005 e un'accelerata ai negozi

Sinonimo di accessori moda colorati e divertenti, il brand Lollipops ha archiviato il 2005 a quota 9,5 milioni di euro, in ascesa del 12% rispetto al 2004. Il prossimo futuro è scandito da un intenso programma di opening.
Sono attualmente 12 i negozi diretti e 11 quelli in franchising con questa insegna, che lo scorso anno ha avviato una succursale a Nizza e spazi a Digione, Clermont-Ferrand, La Réunion e Guadalupe, senza contare gli investimenti sui mercati greco, coreano, taiwanese, russo, rumeno e thailandese. Nel 2006 dovrebbero alzare la saracinesca circa 15 punti vendita, di cui tre in Spagna, quattro in Italia, tre o quattro nell'ex Urss e uno in Grecia.
I fondatori del marchio, Yann Ducarouge e Marjorie Mathieu, intendono inoltre affacciarsi su territori inesplorati, come la Florida (dove è stato recentemente siglato un contratto con un master franchisee) e la Cina, con il primo sbarco a Shanghai nel dicembre 2005 e la prospettiva di avviare un'attività di commercio online, oltre a una serie di corner nei department store. In Europa, un Paese con potenzialità ancora da sfruttare è la Gran Bretagna, dove è in programma l'avvio di una succursale. A parte i monomarca, sono 450 i multimarca che distribuiscono Lollipops in Francia, 250 in Italia e 310 in Spagna. Per supportare lo sviluppo presente e futuro, Ducarouge e Mathieu hanno deciso di centralizzare la logistica in un unico quartier generale a Pantin in Francia, con l'eccezione di una showroom a Parigi.
a.b.
stats