Luxottica: in salita i conti del 2002, scende il fatturato trimestrale

Positivo il 2002 di Luxottica, ma nell'ultimo trimestre il gruppo registra un calo del fatturato (-7,7%) a 668,6 milioni e una crescita degli utili (+22,3%) a 74,4 milioni di euro. Per il management il 2003 sarà un anno di transizione.
A penalizzare i ricavi trimestrali, soprattutto le fluttuazioni dei cambi. A parità di tasso, infatti, il fatturato del gruppo sarebbe aumentato del 2,1% rispetto al 2001.
Nel 2002 il fatturato di Luxottica ha raggiunto i 3.132,2 milioni di euro (+2,2%), mentre l'utile netto si è portato a 372,1 milioni, in salita del 17,6% rispetto al 2001. La posizione debitoria è scesa a 1.254,3 milioni, dai 1.469,9 dell'anno precedente.
Sempre nel 2002, per quanto riguarda l'attività di produzione e distribuzione all'ingrosso, il gruppo ha subito un leggero calo del fatturato (-1,6%). Luxottica ha però incrementato la propria quota di mercato a livello mondiale. Per l'Europa, in particolare, si tratta di un aumento del 10%. Per la distribuzione al dettaglio, invece, il fatturato è salito dell'8,1% rispetto al 2001.
Commentando i risultati, il presidente Leonardo Del Vecchio ha evidenziato come questi siano stati condizionati dal rallentamento dei consumi, su cui pesano gli effetti conseguenti agli attentati terroristici negli Usa, la volatilità dei mercati finanziari, la debolezza del dollaro e i timori di un imminente conflitto in Iraq.
Con riferimento al mercato americano, in particolare, il presidente di Luxottica ha affermato che il gruppo è impegnato a unificare le attività logistiche del Nord America ad Atlanta, nel centro di distribuzione di Sunglass Hut International, con la conseguente chiusura di quello di LensCrafters.
Per Del Vecchio il 2003 sarà un anno "di transizione", che vedrà il gruppo impegnato nelle acquisizioni soprattutto nel settore retail, mentre solo nel 2004 è previsto il ritorno alla crescita di fatturato e utili. Per quest'anno l'azienda leader mondiale negli occhiali per i segmenti medio e alto prevede un utile per azione di 0,77 euro (0,82 euro nel 2002), considerando il cambio euro/dollaro pari a 1.
e.f.
stats