Luxottica: intesa con i sindacati per sostenere il potere d’acquisto dei dipendenti

Intesa innovativa alla Luxottica. Previsto un sistema di benefici non monetari (come accordi per acquisti, cure mediche, borse di studio) a favore dei 7.800 dipendenti italiani. L’impegno è di 2,5 milioni di euro all’anno. Valeria Fedeli, segretario generale Filtea-Cgil: "Davanti alla recessione, l’azienda ha deciso di non chiudersi in se stessa ma di negoziare un ulteriore elemento di welfare".
Come riporta Il Sole 24 Ore, si tratta di un sistema di incentivazione per gli operai e gli impiegati dei sei insediamenti industriali in Italia (sparsi fra Veneto, Trentino e Piemonte): uno strumento supplementare per la conservazione del potere d’acquisto, che si avvarrà di accordi con catene retail per acquisti di beni d’uso primario, convenzioni con centri di medicina preventiva e diagnostica, aiuti per l’uso dei mezzi dei trasporto fino all’assistenza sociale di sostegno (per famiglie con problemi di portatori di handicap, di tossicodipendenze o anziani da assistere). L’iniziativa sarà gestita congiuntamente con i sindacati, a sottolineare il consolidato rapporto esistente fra Luxottica e le rappresentanze dei lavoratori.
Intanto si apprende dal sito www.filtea.cgil.it che la multinazionale di Agordo (Bl) ha programmato cinque giorni di cassa integrazione, dal 9 al 13 marzo, presso l’impianto di Rovereto (Tn); in quelle giornate i lavoratori dovrebbero frequentare corsi di formazione.
d.p.
stats