M&S annuncia la semestrale, rivede il team management e riduce il board

Il primo semestre di Marks & Spencer si chiude con utili in flessione e un giro d’affari di 3,82 miliardi di sterline, leggermente al di sopra dei 3,79 miliardi dell’analogo periodo del 2003. Ora se ne va il finance director e gli executive director saranno ridotti da sei a tre.
Nei sei mesi fiscali terminati lo scorso due ottobre il gruppo ha visto i profitti operativi scendere da 353,1 a 242,2 milioni di sterline. L’utile ante imposte è invece diminuito da 339,6 a 211,7 milioni.
I conti, come spiegano da M&S, non beneficiano ancora di due mesi chiave, legati alle festività natalizie, storicamente considerati “profit driver”: risulta quindi prematuro stimare l’andamento della seconda metà dell’esercizio. Nel 2004, inoltre, il retailer ha dovuto sostenere costi per oltre 29 milioni di sterline, relativi al programma di chiusura dei lifestore.
In occasione della pubblicazione della semestrale, Marks & Spencer ha, inoltre, annunciato l’uscita di scena di Alison Reed, da tre anni direttore finance e da 20 nel gruppo, e di essere alla ricerca di un suo sostituto (la manager uscirà di scena ufficialmente nel febbraio prossimo).
Il retaler ha reso noto, inoltre, di avere ridotto da sei a tre il numero degli executive director, con effetto immediato. Si tratta di Maurice Helfgott, alla direzione di Menswear, Childrenswear & Home, di Mark McKeon, che si occupava di Retail, International & Franchises, e di Laurel Powers-Freeling, chief executive di M&S Money, ceduta a HSBC.
Stanno lasciando la società anche Jean Tomlin, human resources director, e Jack Paterson, business unit director Home.
Stuart Rose, Charles Wilson e l’attuale finance director restano gli unici tre direttori esecutivi del board. Tutti i responsabili delle aree buying e merchandising riporteranno direttamente a Stuart Rose. I direttori di IT, logistics e property faranno capo a Charles Wilson. Finance, International e M&S Money avranno la supervisione del direttore finance. Il Marketing continuerà a fare riferimento a Steven Sharp.
Stuart Rose ha deciso, inoltre, che Anthony Thompson diventerà direttore retail. Fiona Holmes, al momento executive assistant del chief executive e former head del formalwear maschile, avrà la direzione del childrenswear. Keith Cameron, sta per arrivare alla guida delle risorse umane e il settore home avrà un nuovo capo (Steve Rowe ricoprirà la carica ad interim). Sarà ricercato all’esterno, infine, il candidato per la direzione food.
e.f.
stats