Macy's investe in una realtà cinese delle vendite online

Il retailer statunitense Macy's, che oltre all'omonima insegna controlla la catena Bloomingdale's, investirà 15 milioni di dollari in VIPStore Co. Ltd., una compagnia specializzata nell'e-commerce con base in Cina, che inizierà a commercializzare la private label Macy's a partire dalla prossima primavera.
La notizia conferma un trend: il mondo dei department store americani è sempre più intenzionato a sviluppare il proprio business nel grande Paese asiatico, partendo proprio da Internet.
Prima di Macy's ci sono state infatti le iniziative del gruppo Neiman Marcus - che lo scorso marzo ha fatto un'iniezione di 28 milioni di dollari nell'online retailer cinese Glamour Sales, con lo scopo di appoggiarsi a questa piattaforma in vista del lancio del suo website di e-commerce, previsto per la fine del 2012 -, ma anche di Nordstrom, che ha acquisito la realtà delle vendite-evento online HauteLook.
Secondo quanto riporta wwd.com, VIPStore venderà il brand Macy's sul sito Omei.com. La Internet company "made in China" opera anche attraverso il website di vendite flash Jiapin.com e, sommando questi due indirizzi, serve 2,5 milioni di utenti registrati.
"La nostra partnership con VIPStore ci permetterà di fare ulteriore esperienza nel mercato cinese in fase di rapida crescita e di capire meglio come i consumatori locali interagiscono con Macy's e con gli articoli che proponiamo", ha dichiarato Terry j. Lundgren, chairman, president e chief executive officer del gruppo della distribuzione, con sede a Cincinnati.
e.a.
stats