Malo fa chiarezza sull’uscita di scena di Fabio Piras

Fabio Piras non è stato licenziato dalla direzione creativa di Malo. Come precisano dalla griffe del gruppo It Holding, il contratto di Piras è in scadenza entro l’anno e, in accordo con lo stilista, non verrà rinnovato. Tra le new entry si fa il nome, non confermato dalla holding, di Tommaso Aquilano e Roberto Rimondi, in arte "6267".
Smentendo i rumor apparsi sui media nei giorni scorsi, che ipotizzavano un mancato apprezzamento delle ultime creazioni di Piras da parte dei consumatori nonché del management (vedi fashionmagazine.it del 10 marzo), Malo “ringrazia Fabio Piras per la proficua collaborazione con la quale ha contribuito a valorizzare, in termini di contenuto creativo e stilistico, l’immagine delle collezioni Malo, come dimostrato anche dagli ottimi risultati della sfilata di New York dello scorso febbraio”.
Nessun nome ufficiale, per ora, è emerso dalla maison, relativamente a possibili nuovi ingressi per rafforzare l’ufficio stile. Non sono confermate quindi le voci di stampa apparse oggi, che ipotizzano l’arrivo in Malo del duo Tommaso Aquilano-Roberto Rimondi, che si cela dietro l’etichetta 6267. Nessuna novità anche a livello di top management. L’amministratore delegato di Malo, Stefano Ferro, ha infatti comunicato che non sono previste modifiche nella struttura operativa e manageriale. Questo, come emerge in una nota, rinforza l’obiettivo di crescita e di forte sviluppo internazionale che Malo vuole imprimere nei prossimi anni.
e.f.
stats