Mandarina Duck cresce del 13% nel 2005 e rafforza la rete distributiva

Ricavi in crescita e ritorno all'utile per Mandarina Duck. L’azienda bolognese ha infatti chiuso il 2005 con un fatturato consolidato di 75,5 milioni di euro, pari a un incremento del 13,4% rispetto al 2004. L'utile pre-tax ha invece raggiunto i 3,1 milioni di euro.
La performance positiva, spiega il direttore generale Mireia Lopez Montova, è il risultato di una strategia messa in atto negli ultimi due anni, che ha visto l’azienda “rifocalizzarsi sul core business, pelletteria e accessori, rinnovando l’offerta e aggiungendo otto nuove linee”. Per raggiungere l’efficienza operativa, inoltre, Mandarina Duck ha chiuso il settore abbigliamento e riorganizzato la distribuzione.
Con sette punti vendita inaugurati lo scorso anno (di cui tre in Italia) e due nuovi outlet, l’azienda ha puntato a rafforzare la rete distributiva; allo stesso scopo sono stati siglati accordi di distribuzione in Cina e Giappone e negli Stati Uniti, mentre per il 2006 sono previsti due opening a Mosca. Non si escludono poi nuovi contratti di licenza, che andranno ad aggiungersi ai due avviati nel 2005: quello per la realizzazione di un profumo (entro la metà dell’anno sarà lanciata anche la fragranza per l’uomo) e quello – stipulato con Tommy Hilfiger – per il settore pelletteria in Europa, che ha prodotto un fatturato di 9 milioni di euro.
Infine, conclude Mireia Lopez, “nell’anno in corso punteremo ad ampliare l’offerta nel segmento business e viaggio, oltre a consolidarci sui mercati europei”.
g.m.
stats