Marks & Spencer debutta in Cina mainland e fa i conti con una trimestrale deludente

Aprendo ieri i battenti del primo store Marks & Spencer in Cina, il gigante del retail inglese ha comunicato ufficialmente i risultati, purtroppo in negativo, della seconda trimestrale conclusasi il 27 settembre. Il fatturato è diminuito del 6,1%, con un calo delle vendite di abbigliamento del 3,5%, mentre la fascia food ha accusato un -5,9%.
Positiva invece la performance delle divisioni e-commerce (+34%) e business internazionale (+24,2%). Il cda ha inoltre annunciato una riduzione degli investimenti e dei costi di gestione di 600 milioni di sterline nel giro di due anni.
Proprio nell'ottica di espandersi oltre la Gran Bretagna rientra l'opening di ieri: un flagship store di oltre 3.700 metri quadri, articolati su tre piani, a Shanghai. Si tratta del primo punto vendita nella Cina continentale per il retailer britannico, già presente con 10 store a Hong Kong. In programma entro due anni lo sbarco a Pechino, secondo un piano che prevede l’avvio di altri 50 negozi a lunga scadenza.
p.o.
stats