Marzotto: scendono i ricavi ma sale l’utile netto

Scende il fatturato di Marzotto nei primi nove mesi dell’anno (-6,5%), ma crescono gli utili, che – rispetto allo stesso periodo dello scorso anno – raggiungono i 12 milioni di euro (contro una perdita di 5,9 milioni registrata a settembre 2004). In diminuzione l’indebitamento netto, che scende da 143 a 131 milioni.
Questi i dati "pro forma" diffusi oggi dal consiglio di amministrazione del gruppo. La diminuzione del giro d'affari (passato da 223 milioni di euro nei primi nove mesi del 2004 ai 208 milioni attuali) è da attribuire all'andamento negativo dei settori tessile (che perde 7,9 milioni, ossia il 5,3%), filati lanieri (-7 milioni, pari a un calo dell'11,7%) e filati linieri (-3,2 miliioni, ovvero una riduzione del 13,7%).
In flessione il fatturato anche per quanto riguarda il terzo trimestre di quest'anno che, con 62 milioni di euro, vede una perdita del 4,5% rispetto al settembre 2004. In pareggio invece, con 0,3 milioni di euro, l'utile netto consolidato.
Per fine anno il gruppo afferma di prevedere "un significativo incremento" dell'utile netto e una riduzione dell'indebitamento.
g.m.
stats